ADFA 2 – Localizzazione automatica, precisa e sicura di segnali da 10 MHz a 8 GHz

Immagine 1: Per l’impiego mobile l’ADFA 2 viene fissata sul tetto di un’autovettura con l’ausilio di un supporto magnetico e collegata con il SignalShark all’interno del veicolo. Se il tecnico deve entrare in un edificio localizzato per determinare la sorgente del segnale lungo gli ultimi metri, userà un’antenna portatile per completare l’operazione di direction finding (PresseBox) ( Pfullingen, )
Narda Safety Test Solutions presenta ora la sua seconda antenna automatica per il direction finding, l’ADFA 2. Gli ingegneri dello specialista di strumenti di misura RF hanno più che triplicato la gamma di frequenza di questa antenna automatica di DF. Se collegata al potente ricevitore in tempo reale SignalShark, l’antenna è pertanto in grado di localizzare automaticamente e in maniera precisa e sicura segnali compresi tra 10 MHz e 8 GHz (ADFA1: 200 MHz - 2,7 GHz). Come il suo “fratello minore”, l’ADFA 2 fornisce risultati di misura eccezionalmente stabili in pochi secondi ed è insensibile alle riflessioni. Grazie alla sua ampia gamma di frequenza consente di effettuare localizzazioni sicure sia alle basse che alle alte frequenze. Compatta e adatta a un impiego universale, l’antenna è l’unica sul mercato a coprire uno spettro immensamente largo e richiedere al contempo un dispendio minimo per lo strumento stesso. Questi vantaggi rendono l’ADFA 2 particolarmente interessante per l’utilizzo da parte di operatori di telefonia mobile e autorità di regolamentazione nonché in campo militare.

Per un utilizzo mobile, l’ADFA 2 può essere montata e rismontata dal tetto di qualsiasi autovettura con l’ausilio di un supporto magnetico. Con il SignalShark viene collegata tramite un solo cavo. Fornisce risultati di misura precisi e con la massima accuratezza anche senza le tabelle di correzione normalmente necessarie per i veicoli. Durante la guida, l’operatore addetto ha la possibilità, oltre a farsi visualizzare la direzione rilevata sul display del SignalShark, di sovrapporre una heat map su una mappa memorizzata. Il potente software di localizzazione dello strumento indica automaticamente all’utilizzatore dove si nasconde con grande probabilità l’interferenza. L’utilizzatore non necessita né di un PC esterno né di un assistente.

Il cuore dell’ADFA 2 è costituito da un livello con nove elementi (dipoli) e da un’antenna di riferimento omnidirezionale centrale. L’antenna di riferimento permette all’operatore di osservare durante la localizzazione anche lo spettro. Il principio del direction finding automatico con ricevitori a canale singolo si basa sulla misura della differenza di fase tra gli elementi dell’antenna. I nove dipoli vengono misurati e confrontati con l’antenna di riferimento centrale. Più grande è la distanza tra loro e la differenza di fase misurata, più affidabile sono le localizzazioni. Grazie all’espansione di frequenza sulle due estremità della scala, risulta ora un livello inferiore per la gamma da 10 a 200 MHz e un livello superiore per la gamma da 2,7 a 8 GHz. Il diametro esterno di soli 480 millimetri è rimasto invariato, mentre i due livelli aggiuntivi comportano un peso dell’ADFA 2 di 6,5 kg, solo un chilo in più rispetto all’ADFA 1 (200 MHz - 2,7 GHz).
Für die oben stehenden Pressemitteilungen, das angezeigte Event bzw. das Stellenangebot sowie für das angezeigte Bild- und Tonmaterial ist allein der jeweils angegebene Herausgeber (siehe Firmeninfo bei Klick auf Bild/Meldungstitel oder Firmeninfo rechte Spalte) verantwortlich. Dieser ist in der Regel auch Urheber der Pressetexte sowie der angehängten Bild-, Ton- und Informationsmaterialien.
Die Nutzung von hier veröffentlichten Informationen zur Eigeninformation und redaktionellen Weiterverarbeitung ist in der Regel kostenfrei. Bitte klären Sie vor einer Weiterverwendung urheberrechtliche Fragen mit dem angegebenen Herausgeber. Bei Veröffentlichung senden Sie bitte ein Belegexemplar an service@pressebox.de.